Archive for report

Partenza dal Porto di Takoradi-Ghana

// 12:15 AM // Leave a Comment // report

Sorry, this entry is only available in Italiano.

// 01:25 PM // Leave a Comment // report

Sorry, this entry is only available in Italiano.

SUPPORT THE MISSIONS IN AFRICA

// 10:21 AM // Leave a Comment // report

Sorry, this entry is only available in Italiano.

mission in Ghana

// 06:24 PM // Leave a Comment // report

REPORT DEL DOTT. GIANCARLO UNGARO


Grazie al rinnovato ed ulteriore  sostegno messo a disposizione dalla Fondazione Arbour di Lugano, che, ormai da anni , ha preso a cuore la nostra iniziativa umanitaria, la nave ospedale Elpis ha potuto riprendere  il viaggio verso il Madagascar.

Infatti, dopo più di quattro  mesi di permanenza nella Repubblica del Gambia, durante la quale sono state effettuate circa  2600 prestazioni sanitarie di varie tipologie in favore della popolazione locale, la nave Elpis si trova adesso in Ghana ed ha iniziato, anche in questo paese,  a fornire assistenza sanitaria alla popolazione in virtù di un accordo di cooperazione stipulato con il governo locale tramite il Console Onorario di Palermo  del Ghana , Avv. Francesco Campagna.

Purtroppo la navigazione di trasferimento è stata turbata da spiacevoli inconvenienti  e tentativi di truffa ed estorsione di denaro subiti soprattutto a Monrovia in Liberia, dove la Elpis, fermatasi per necessari rifornimenti, è stata trattenuta  dalle autorità locali con la richiesta di pagamento di spropositate ed esorbitanti  fatture peraltro non dovute.

L’incresciosa situazione si è poi sbloccata grazie all’interessamento del Presidente della cooperativa pesca  Dott. Giovanni Tumbiolo che ha attivato  interventi dell’Ambasciatore della Costa d’Avorio e  della Farnesina ed adesso la nave si trova ormeggiata nella base navale della marina del Ghana a Sekondi-Takoradi.

Durante le spiacevoli vicissitudini prima sommariamente descritte,  i volontari che intanto erano arrivati a Takoradi  per la preparazione logistica dell’arrivo della nave con il Comandante del porto di Sekondi-Takoradi  e per i preliminari contatti con il  Ministero della Salute, con la Direzione Regionale della Salute e con  il comitato direttivo dell’Ospedale Regionale est del Ghana che si trova proprio a Takoradi,  sono stati assistiti con solerzia e tanta disponibilità,  anche da lontano,  dall’Avv. Francesco Campagna, Console Onorario  di Palermo di questo stato.

Le cattive esperienze vissute e la constatazione di essere molto spesso oggetto di truffe e ruberie di ogni tipo , non pregiudicano comunque la volontà di portare avanti il progetto in corso e la possibilità di aiutare ed assistere soprattutto quelle fasce di popolazione più deboli e bisognose , spesso sopraffatte dalla corruzione  dei loro governanti e dalla criminalità locale.


 

 

MISSIONE IN GAMBIA

// 11:51 AM // Leave a Comment // report

***

 

MISSIONE  IN GAMBIA

21 -  30  settembre 2017

Nello scorcio degli ultimi giorni del mese di settembre, si  conclusa a Banjul, in Gambia, l’ultima delle missioni, effettuate dalla nostra associazione dal mese di giugno ad oggi.

Contrariamente alle previsioni ed ai preliminari programmi operativi di “Elpis” in Gambia, in considerazione della notevole richiesta di assistenza sanitaria,  ci siamo fermati in questo Paese per circa quattro mesi, avendo visto e toccato con mano la vera e pressante necessità di ricevere  aiuto sanitario dai più indigenti.

Questa ultima missione,  in previsione della prossima partenza per l’effettuazione di ulteriori tappe in altri paesi africani, alla volta del Madagascar, ha imposto però, come scopo principale, quello di effettuare  interventi tecnici di manutenzione straordinaria alla nave Elpis.

Infatti, la lunga e non preventivata permanenza in Gambia,  per le cattive condizioni meteo verificatesi durante l’intervenuta stagione delle piogge, in occasione della quale si è verificato, come tipicamente avviene, anche il passaggio di diversi tornado ,  ha, comunque, procurato  avarie e danni anche ad “Elpis”;   in particolare, la violenza di due di essi nel porto di Banjul è stata tale da determinare anche l’affondamento di due grandi imbarcazioni.

Durante la missione sono stati quindi testati e sottoposti a check up il motore principale,  i due generatori, uno dei quali  necessitava di una revisione e riparazione più impegnativa,  e tutti gli impianti della sala macchine, lavori  portati a termine con successo  grazie all’opera ed alla professionalità  del  Direttore di macchina Federico Silvestro e dell’elettrotecnico Rallo Nicolò,  appositamente resisi disponibili e partiti dall’Italia,  assistiti dall’infaticabile  e fedele  Xdevdet,  marinaio-nostromo, da anni operativo  ed esperto di ogni problema  di “Elpis”,  nonché  dalla buona volontà  e dalla forza di Isaac,  marinaio –manutentore.

Grazie alle particolari competenze ed intuizioni dell’elettromeccanico Sig.Rallo, vero professionista nella risoluzione delle problematiche elettriche, è stato possibile revisionare e rimettere a punto vari impianti elettrici ed alcune  apparecchiature sanitarie, danneggiate dall’ondata di mal tempo, e migliorare notevolmente  la resa dell’impianto fotovoltaico di bordo, adesso molto più potente ed efficace.

Contemporaneamente al lavoro tecnico non si è, sicuramente,  tralasciato lo scopo principe  della mission che caratterizza la nostra associazione  ed è stata svolta quindi anche attività sanitaria specialistica, principalmente  in ambito ginecologico, effettuata dalla dott.ssa Daniela Granata, volontaria veterana  la quale, oltre a prestare la propria opera specialistica, ha collaborato allo svolgimento  di interventi di piccola chirurgia generale  e si è dedicata al riordino di  varie attrezzature sanitarie e al ripristino della funzionalità di pc, stampanti ed altre apparecchiature di grande utilità a bordo.

Alle varie esigenze di tutti ed alla logistica di bordo si è dedicato con competenza, il Sig. Mangiarotti,  anch’egli un  volontario fattivamente vicino alla nostra associazione da anni.

Infine,  due giorni prima del rientro in Italia,  sono arrivati a bordo il Cap.  DJibril Diome  ed il macchinista Louis Alphonse Sene, incaricati senegalesi,  ai quali  è stato affidato il compito di familiarizzare con la nave,  approfondendo la conoscenza degli impianti e delle problematiche legate  sicurezza   prima della partenza di Elpis ,  in previsione di affidare loro,  in cooperazione con altro personale, un  prossimo trasferimento della nave.

Le varie figure tecnico-sanitarie sono state sempre assistite e coadiuvate, per ogni tipo di esigenza e problema,  dal sempre disponibile e fidato , Mr.  Ebou Secka,  referente individuato dal  Console Generale della Gambia, Prof. F. Cristina di Santannera.

 

…Elpis  è adesso  pronta per ripartire.

 

Giancarlo Ungaro

 

Lettera di un Volontario

// 06:20 PM // Leave a Comment // report

Da Dr. Franco Galeotti – 15 Agosto 2017

odontoiatra

appartenente alla SMOMonlus di Roma;   Volontario su Nave Elpis ormeggiata nel porto di Banjul – Repubblica della Gambia – Africa atlantica


Sono partito stanotte dal Gambia, passando prima per la Guinea poi per il Marocco.
Ora mi trovo a Roma sulla strada verso casa.
Potrei scrivere pagine intere su questa mia missione in Gambia.

Chi mi conosce bene sa che che ho avuto la fortuna di viaggiare sempre tanto, fin da quando ero piccolo. La maggior parte delle volte da solo.
Questo viaggio, come altre missioni in Africa, lo considero come una delle esperienze più forti della mia vita . Emozioni semplici e pure che ti aprono il cuore.
Porterò con me il ricordo della Nave, dell’ amicizie nuove con persone straordinarie.
La simpatia del “tuttofare” Xetti, le lunghe chiacchierate con il grandissimo ginecologo Giampiero(potrei rimanere ad ascoltarlo per ore parlare dei suoi viaggi) e la spensieratezza di Emilia, metà bulgara meta’ siciliana.
Ringrazio ovviamente il mio amico e collega Mario Rosati organizzatore e promotore della missione. Senza tutto il suo sforzo e la sua tenacia tutto questo non sarebbe possibile.
Ringrazio tutto il popolo del Gambia per avermi sempre dedicato un sorriso.
Dell’Africa mi mancheranno i suoi silenzi e i suoi tramonti, i suoi odori e i sorrisi della gente.

Da questa esperienza ci ho sicuramente guadagnato. E’ molto più quello che mi ha lasciato che quello che io ho fatto per loro.

Ora e’ giunto il momento di dedicarmi alla cosa a me più cara, la mia bellissima e dolcissima moglie Elena e l’altra parte del mio cuore, mio figlio Achille. Non vedo l’ora di abbracciarli entrambi.


My videos. Featured videos.