lavori programmati

 

I necessari lavori di ammodernamento, ripristino delle funzionalità nautiche, sicurezza della navigazione, armamento e di allestimenti speciali ospedalieri saranno seguiti da personale specializzato sotto il controllo tecnico del Registro Italiano Navale – Organo di classificazione e certificazione.

Primo stralcio – Lavori di carenaggio e manutenzioni

alaggio dell’unità presso  il  Cantiere  Navale  Da.Ro.Mar.Ci.  Navalferro  S.n.c. di
D’Amico Michele & Figli di Trapani;

palettatura della carena per  asportazione della vegetazione stratificata;

idropulitura ad alta pressione;

levigatura, con mezzi elettromeccanici, di tutta l’opera viva per asportazione dei
vecchi trattamenti;

sondaggi spessimetrici del fasciame opera  viva, opera morta, paratie e sovrastrutture
per  il necessario controllo dello stato delle lamiere; rilascio della relativa certificazione,
controllo del   R.I.NA;

smontaggio e sbarco del verricello salpa cavi e bighi di carico utilizzati per  la pesca,  non più necessari;

smontaggio e sbarco dei rivestimenti dei cieli delle cabine equipaggio, locale lavanderia e corridoio, esistenti  sul ponte di coperta; lavoro preparatorio per la sostituzione delle lamiere del cassero di prora;

sbarco delle due ancore e delle catene per manutenzione, ispezione da parte del R.I.N.A., reimbarco;

smontaggio e manutenzione delle valvole prese acqua di mare, pulitura delle griglie esterne e degli alloggiamenti e trattamento anticorrosivo; ispezione da parte del R.I.N.A.,  rimontaggio;

smontaggio della pala del timone, estrazione dell’elica e dell’asse porta elica per ispezione e manutenzione; ispezione e manutenzione boccole e premitrecce; ispezione R.I.NA.,  rimontaggio;

smontaggio del bottazzo in legno che corre lungo lo scafo all’altezza del baglio per vetustà;

ciclo di trattamento anticorrosivo e ancorante della carena con prodotti di alta qualità;

ciclo di trattamento antivegetativo;

protezione catodica con anodi sacrificali di zinco;

Secondo stralcio – Lavori allo scafo

sostituzione lamiere del cassero di prora il cui spessore risulta sotto i limiti di tolleranza;

Spostamento dei due boccaporti centrali di accesso alle stive in prossimità della murata di sn, in modo da consentire l’imbarco, nella zona centrale del ponte, dello Shelter Sala Operatoria e dello Shelter Saletta Odontoiatrica/Radiologica;

sistemazione sul ponte di coperta-tuga di una scaletta in acciaio inox, lato sn, e sostituzione di quella esistente, lato dr;

sabbiatura opera morta, impavesate esterne, tuga esterna, macchinari di coperta, trattamento anticorrosivo e pitturazione;

sistemazione di un argano di tonneggio idraulico in coperta, nei pressi dello specchio di poppa per tonneggio della nave durante le manovre ormeggio-disormeggio;

sistemazione sul ponte di coperta di mastre e rosette di aggancio  per il rizzaggio in sicurezza dei container sala operatoria e sala odontoiatrica/radiologica;

Terzo stralcio – sala macchina e altri locali

sbarco di apparecchiature non più utilizzabili (compressore refrigerante conservazione pescato)

sbarco,  revisione e reimbarco dei due gruppi elettrogeni esistenti;

revisione del motore di propulsione, delle pompe combustibile e  lubrificante;

manutenzione delle casse combustibile;

revisione invertitore;

revisione dell’impianto antincendio;

revisione dell’impianto elettrico 24 v e 220 v;

revisione dell’impianto di riscaldamento;

realizzazione di impianto di climatizzazione;

revisione degli organi di comando e di governo;

lavori di sistemazione e coibentazione della stiva principale, necessari per la sistemazione di una farmacia, di attrezzature e strumenti da laboratorio, deposito e custodia presidi medico-chirurgici e sistemazione dei refrigeranti per la conservazione di farmaci e alimenti freschi.

Quarto stralcio

varo dell’unità nelle acque antistanti il cantiere navale;

completamento degli allestimenti, imbarco e installazione delle apparecchiature elettriche ed elettroniche di bordo, imbarco delle dotazioni di sicurezza della navigazione;

collaudo, prove di stabilità, prove in mare;

visita finale dell’Autorità Marittima e del Registro Italiano Navale, rilascio delle relative certificazioni di sicurezza e di navigazione;

sistemazione a  bordo  delle attrezzature e presidi sanitari;

esercitazioni del personale marittimo e sanitario;

inizio missioni

 

I miei video. Video del momento.